Scorre il tempo

Il tempo è trascorso ai margini del vecchio fiume

e dalla fonte lontana alla valle

nessuno ne ode più il nome…

eppure si porta quell’acqua in spalle

la polvere stanca  di un’era passata

che ancora fra i flutti rammenta il dolore

sul volto dell’ultimo uomo in cravatta

che muore.

Annunci
Published in: on marzo 11, 2014 at 10:47 am  Comments (7)  
Tags: , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://imagopovi.wordpress.com/2014/03/11/scorre-il-tempo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. Mi piace molto, grazie.
    Ombreflessuose

  2. Uomo in cravatta sa per ‘uomo per bene’ o ‘uomo di quest’era, business man’?
    Scusa ma mi intriga, volevo capire se ne sto capendo il senso. ;-)

    • Credo che l’interpretazione univoca sia la morte di ogni poesia e in generale di ogni cosa nel mondo, quindi non posso risponderti. Fra l’altro non lo so nemmeno io. Potresti pensare questo sia un difetto, che svaluti ciò che ho scritto, ma per me è un valore aggiunto. In ogni caso ti ringrazio per il commento e ti assicuro che qualsiasi sia la tua interpretazione è perfettamente sensata ;)

      • Non penso che lo svaluti. Per niente, amo poter interpretare e metterci qualcosa di mio. Ma mi piace anche capire cosa pensa l’autore. E visto che internet ora ci ha resi tutti più ‘vicini’ o per lo meno consultabili, ne ho approfittato. Complimenti, comunque, la poesia è una fragile materia da maneggiare, ammiro il coraggio di chi riesce a farlo con gusto.

      • Posso darti frammenti di una possibile interpretazione (ma non credo affatto sia quella giusta solo perché sono l’autore… se non altro perché quando scrivo normalmente non pianifico ciò che sto scrivendo ma cerco di lasciare che fluisca da solo. Non so spiegarlo).
        Quindi ecco i pezzi del puzzle secondo me:

        – Del vecchio fiume nessuno ode il nome. Il verbo è udire e non ascoltare.

        – Il tempo è trascorso rispetto a cosa, o a quando?

        – La polvere è trasportata dall’acqua come un fardello del passato. Il fiume è forse il tempo e la polvere il residuo del passato che si trascina nel presente (o nel futuro?)? O forse sono l’una natura e l’altra artificio? La seconda è allo stremo delle forze, e nel primo caso il passato sarebbe passato, e si starebbe disfacendo, nel secondo il “creatore” avrebbe interrotto la creazione, per qualche ragione, o l’avrebbe abbandonata a se stessa.

        – Tuttavia la polvere reca ancora l’mpressione (in senso fisico o allegorico?) dell’ultimo Uomo (o uomo? E’ la fine di un uomo o la fine dell’Uomo?) che muore.

        – E la cravatta? Questo dovremmo chiederlo al coniglio. Lui direbbe di toglierla, probabilmente. Direbbe di bruciarla, di tuffarsi nel fiume e lasciarsi trasportare…

      • A questo punto mi tocca leggere del coniglio.
        ^_^


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: