Il DSM, la Chiesa e i nuovi peccatori

Ed ecco qui l’ultima magia dell’APA: ora nuove “malattie mentali” inventate potranno essere curate dagli pseudomedici-psichiatri. Nessuno si chiede dove siano le prove scientifiche dell’esistenza di queste malattie, perché sono loro gli scienziati e naturalmente non sono tenuti a mostrarle (si legga: non esistono)! Naturalmente è evidente – guardando alla superficie – che il sole gira attorno alla terra così come la depressione è causata dalla chimica. Se si sondasse nell’animo umano con un telescopio più raffinato, si potrebbero forse scorgere quelle motivazioni, quei disagi, quei modi di essere e di pensare, quei significati e quei valori (o quei disvalori – ma chi può distinguerne con certezza la differenza?) che, come la gravità nel cosmo, orientano ogni astro in direzioni apparentemente casuali ma intrinsecamente significative. La psichiatria ha bisogno di una rivoluzione copernicana. Gli psichiatrizzati ne hanno bisogno. La Chiesa del determinismo comportamentale deve proteggere i suoi dogmi, ma gli uomini saggi aprano gli occhi e guardino le stelle!

In tutto questo le farmaceutiche si sfregano le mani e non a torto: il consumo di psicofarmaci è in aumento praticamente ovunque nel mondo e le domande di riforma sono state (dopo le brevi e poco incisive proteste degli anni sessanta e settanta) praticamente annichilite.

La cosa ironica è che chi accusa la psichiatria di essere a-scientifica viene sollecitato a fornire prove che lo dimostrino (e le prove ci sono, naturalmente, e sono tante), mentre quando sono gli psichiatri a essere chiamati a dimostrare che le loro supposizioni sulla connessione fra chimica e disagi psichici sia di natura causale e non collaterale (ossia che sia la chimica a causare i disagi psichici e non i disagi psichici a ripercuotersi indirettamente sui processi chimici del cervello), essi si trincerano nella torre d’avorio della loro supposta sapienza accademica e tacciono. Oppure espongono dati statistici che mostrano appunto rapporti di correlazione e non necessariamente di causa-effetto. O ancora accusano i membri dei movimenti antipsichiatria, per la maggior parte ex psichiatrizzati, di essere “quello che sono”: ex malati di mente, persone di serie B da non prendere troppo sul serio.

La soluzione a tutto questo è però dannatamente semplice: in primo luogo applicare le riforme liberali conquistate in questi ultimi due secoli anche all’istituzione psichiatria, in secondo luogo conferire ai cosiddetti malati di mente i diritti civili che spettano loro. Dunque non persecuzione della Chiesa ma libertà di culto: chi lo desideri si giudichi pure peccatore e riceva comunione ed acqua santa, ma chi non vuole farlo non venga trascinato forzatamente in chiesa in virtù del giudizio del clero.

Per questo breve intervento mi fermo qui. Volevo solo darvi la notizia, senza pretendere di analizzare un tema così complesso in poche righe. Forse ritornerò sull’argomento prima o poi, con un articolo-inchiesta serio o magari addirittura un saggio breve.

Alla prossima.

Annunci
Published in: on gennaio 16, 2013 at 11:22 am  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://imagopovi.wordpress.com/2013/01/16/il-dsm-la-chiesa-e-i-nuovi-peccatori/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Quali nuove malattie sono state aggiunte?

    • ah niente..non avevo visto il link


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: